TORTA SARACENA ALLE SUSINE

publicado por Rosa Rizzo la

 

Ingredienti

250 gr Farina di grano saraceno Mulino Marello

100 gr farina di nocciole

50 ml olio di riso o mais

mezza bustina di lievito naturale a base di cremor tartaro e bicarbonato

2 o 3 cucchiai di sciroppo d’acero

250 ml circa di acqua

10 susine circa

In una ciotola mescolate le farine con il lievito, l’olio, lo sciroppo d’acero e l’acqua. L’impasto deve avere una consistenza morbida e se necessario aggiungete altra acqua. Tagliate le susine a tocchetti e aggiungetele. Versate nello stampo e cucinate in forno a 180 gradi per circa 30 minuti.

A settembre le susine non possono mancare tra i nostri acquisti. Energetiche e remineralizzanti grazie alla ricchezza di potassio, magnesio, ferro e fosforo, ci aiutano a sostenere la delicata fase della ripresa in cui spesso ci sentiamo sfiniti e sopraffatti dai nuovi ritmi lavorativi e famigliari.

Ricordiamo che si tratta di un frutto ricco di fibre solubili ed insolubili che, non solo favoriscono la regolarità intestinale, ma contribuiscono anche ad abbassare i livelli di colesterolo e tengono sotto controllo gli zuccheri nel sangue.

Mangiarle a colazione o a merenda è sicuramente l’ideale, ma questo dolce frutto si presta anche ad arricchire di bontà le nostre torte.

L’abbinamento con la farina di grano saraceno e le nocciole per me è davvero squisito oltre che tipicamente autunnale.

Provate allora questa ricetta davvero semplice, ma di sicura soddisfazione.

L’impasto ricorda la tradizionale torta di grano saraceno tipica dell’Alto Adige. In questo caso al posto della farcitura di confettura di ribes ho scelto di arricchirla con i pezzetti di susine che regalano una naturale dolcezza.

La ricetta è molto nutriente e ricca di fibre, dal contenuto indice glicemico. Ideale per la colazione, magari dopo un paio di susine fresche o un piccolo grappolo di uva, ma anche come dessert sfizioso e perfettamente in linea con il nostro benessere!

Articolo a cura della Dott.ssa Isabella Vendrame -  psicologa food coach, scrittrice e divulgatrice.

 Leggi tutti gli articoli del blog

0 Comentarios

¿Qué te parece?